Mare o montagna?

Ciao Giulia,
Come stai? Mi piacerebbe sapere che cosa stai facendo... Noi oggi siamo andati a sciare. Siamo venuti in montagna con zia Mau, zio Marcello, Lodo e Cece e oggi, visto che la giornata era molto bella, siamo andati tutti sulle piste.
Tuo fratello è stato il primo a parlare di te.. Abbiamo pensato a quando venivi con noi, al fatto che non ti piacesse il freddo e che l'abbigliamento da sci ti desse fastidio... Matte dice che nonostante ti facessero tanto male le gambe sei sempre stata molto brava perché alla fine hai sempre assecondato la mamma e, oltre a prendere lo skilift da sola, hai sempre sciato insieme agli altri bimbi della scuola sci.
Io ricordo bene la settimana bianca dell'anno scorso, il viaggio sul pulmino la mattina, le ore passate a guardarti scendere, la gara finale, la consegna della medaglia. Non so se te l'ho mai detto ma sono stata molto fiera di te, del fatto che tu sia riuscita nonostante tutto a portare a termine il tuo impegno, del tuo essere capace di superare ogni giorno i tuoi limiti.
Oggi sciando abbiamo pensato a te.. Ha ragione la zia Mau che sei dappertutto.. Nelle montagne innevate, sui pendii soleggiati, in mezzo ai bambini che sciano... E oggi secondo me sei scesa con me perché avevo una spinta che non ricordo di avere mai avuto..
Tuo fratello dal canto suo si è fatto onore.. Il maestro gli ha fatto un sacco di complimenti perché in effetti ha sciato davvero bene e io l'ho sentito con le mie orecchie raccontargli di te, di quanto ti vuole bene e di quanto gli manchi.
Con papà abbiamo pensato che tu di sicuro adesso sarai su qualche spiaggia assolata, spaparanzata in costume a crogiolarti al sole tra un tuffo e l'altro in un mare cristallino. Abbiamo ragione?
Quando hai un attimo pensaci e rispondimi.. Ci manchi ogni giorno di più..

Commenti

Post popolari in questo blog

La morte

Lettera dallo zio Paolo (2)

La casa di Giulia