Il lunedì

Cuore mio..
Non mi sono dimenticata di te.. Scusa il ritardo ma stamattina ho lavorato e oggi pomeriggio sono andata a fare la spesa e si è fatto tardi.. Stasera sono di nuovo a lavorare ma adesso ho un attimo da dedicarti. Come stai? Oggi non sono serena per niente, diciamo anzi che sono molto arrabbiata con il mondo (la nonna direbbe che si dice inquieta...).. Ma aspetto che passi e spero che passi presto..
Oggi è lunedì amore.. Ti ricordi che casino che era il lunedì quando c'eri tu? Era tutto un prendi e porta porta e prendi.. Matte che usciva alle 14.. Tu che uscivi alle 16 e poi alle 17 andavi a catechismo.. E Matteo che doveva andare a calcio in contemporanea.. Mi sembrava di essere un taxi.. E mi lamentavo sempre.. Beh.. Adesso il lunedì mi sembra una giornata vuota.. Stupida..senza senso.. Ho un sacco di tempo libero.. E non vorrei che fosse così. Pensa che addirittura mi manca accompagnare qualcuno a catechismo.. Potrei persino pensare di fare due parole con le maestre lì dalla chiesa.. Lo so che ridi.. Hai ragione.. Forse questo non ho voglia di farlo.. Però.. Vorrei davvero avere ancora te da portare in giro. Come possiamo fare? Potremmo saltare il lunedì e andare direttamente al martedì. Idea. Interessante vero? Oppure.. Si accettano proposte..
Pensa che mentre venivo qui ripensavo all'ultima volta che siamo tornate insieme da catechismo... A tutto quello che mi hai raccontato.. Al porcellino che hai voluto rompere per dare i soldini ai bimbi in Africa.. A proposito.. I soldi li ho portati eh? Non me li sono tenuti... Quindi i bambini adesso saranno felici grazie a te.. Hai un cuore grande bambina mia.. Ti voglio bene.. 

Commenti

  1. Buona notte Carlotta. Grazie per vegliare aiutando gli altri mentre noi siamo a dormire.
    Dico una preghierina per te e Giulia. Forza Carlotta, non sei sola. vi abbraccio forte tutte e due

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Cara Carlotta,
    è un piacere leggere le tue lettere a Giulia. Così come tu ti chiedi come sta lei, cosa fa, cosa pensa, c'è un foltissimo numero di tuoi conoscenti che in silenzio si chiede lo stesso di te e ti pensa quotidianamente. Tu rispondi e in queste tue risposte ti siamo vicini, impariamo a conoscere Giulia giorno per giorno e anche chi non ci crede, senza saperlo, sta pregando per te. Sappi che tu, Giulia, Paolo e Matteo e la nonna siete circondati di amici.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La morte

Lettera dallo zio Paolo (2)

La casa di Giulia